Waterspin

Biomedia per applicazioni MBBR e IFAS

La tecnologia a biomassa adesa su supporti mobili sfrutta la capacità delle colonie di microorganismi che si sviluppano nel processo biologico di formare un biofilm che crescere adeso alla superficie di speciali elementi realizzati in materiale plastico che vengono dispersi nel volume di processo. Questi elementi, detti carrier o biomedia, hanno lo scopo di incrementare la quantità di biomassa attiva presente nel sistema e di fatto contribuiscono a potenziare le capacità di rimozione di inquinanti di un impianto che rispetto alle soluzioni convenzionali a fanghi attivi classici, a parità di volume di processo potrà trattare un carico influente maggiore oppure a parità di carico organico in ingresso necessiterà di un minor volume e quindi occuperà meno spazio.

Soluzioni disponibili

MBBR

MBBR sta ad indicare il processo più classico anche detto “puro” in cui i carriers sono confinati in tutti gli stadi di trattamento del reattore biologico e in ciascuno di essi avviene la crescita specifica della biomassa propria di quel processo.

IFAS

IFAS è l’acronimo di Integrated Fixed Film Activated Sludge e sta ad indicare un processo ibrido in cui si sommano i benefici del trattamento biologico a fanghi attivi tradizionale con la presenza di biomassa adesa e che è in grado di raggiungere elevate performance occupando uno spazio più ristretto.

Tipologia di carrier

Il processo a biomassa adesa su supporti mobili si basa sull’utilizzo di speciali elementi plastici progettati con forma e dimensioni particolari tali da consentire una rapida e stabile crescita di biofilm biologico all’interno della loro superficie protetta.

Sistema di diffusione aria

Il design del sistema di aerazione in un impianto biologico che adotta tecnologia a biomassa adesa su supporti mobili riveste una fondamentale importanza nei confronti delle prestazioni che si desidera raggiungere.

Sistema di ritenzione carrier

L’adozione di un sistema di ritenzione che impedica ai carrier presenti nel reattore biologico di essere trascinati verso lo scarico e dispersi nell’ambiente rappresenta forse l’aspetto più critico nel dimensionamento di un impianto a biomassa adesa su supporti mobili.